Archives for novembre 2016

LE ORIGINALI DI DAVIDE FINOTTI NOVEBRE 2016

LE ORIGINALI DI DAVIDE FINOTTI • NOVEMBRE 2016

Come ogni nuovo inizio del mese, al consueto elenco di pizze se ne aggiungono tre che hanno una particolarità: un timer di esistenza calcolato su un solo mese, per poi sparire per sempre. Ognuna ha una connotazione precisa: la “Speciale” è la più creativa, quella più vicina al concetto di gourmet, con largo uso di prodotti tipici stagionali. Quindi la “Tradizionale” che al contrario si basa su ricette, rivisitazioni o prodotti tipicamente campani, per finire con la più esotica di tutte: l’Internazionale, quella che ogni mese porta gusti e sapori di altri paesi.

more
Birrificio della Granda, JOHNNY FOG

Birrificio della Granda • IL SUO NOME È JOHNNY, JOHNNY FOG

Non è una spia e neanche il misterioso protagonista di una saga di fumetti post-atomici, anche se il nome sembrerebbe raccontare l’esatto contrario. Johnny Fog è il nome del più recente sogno del Birrificio della Granda, rampante azienda di Lagnasco in costante scalata verso palcoscenici sempre più internazionali. Ma Johnny Fog è soprattutto una scommessa, un azzardo, un esperimento che dai primissimi riscontri sembra talmente riuscito da pensare di aver fatto centro per l’undicesima volta, tante quante sono le birre che ormai compongono la line-up del Birrificio della Granda.

more
Dolci Michelis

Michelis • DOLCI PER NATURA

Il nome di Michelis non è solo legato alla pasta, da sempre. Fin dall’inizio, quella che oggi è un’azienda conosciuta in tutto il mondo nasce da un piccolo pastificio artigianale di Mondovì, dove Mario Michelis, il capostipite (seguito da Egidio e dai suoi nipoti, Marco e Mario, terza generazione alla guida dell’azienda), ogni giorno crea pasta fresca e pasticceria che letteralmente, non fanno in tempo ad arrivare sugli scaffali, che è già ora di rifarli da capo.

more
Per una serata che arriva, un’altra va in archivio. Ci riferiamo a P al Quadrato, Pasta & Pizza Connection, la sera che abbiamo voluto per celebrare la nostra collaborazione con Michelis, storica e ben nota food factory di Mondovì con cui abbiamo intrapreso un percorso di nuove idee sulla pasta che per adesso è visibile sul Raviolo alla pizzaiola e promette presto nuovi sviluppi. Una sorta di esperimento - peraltro piuttosto riuscito, a giudicare dagli apprezzamenti ricevuti finora - in cui la squadra di 480° Gradi ha studiato gli ingredienti (pomodoro San Marzano D.O.P., infusione di origano bio, Alici di Cetara, mozzarella Fior d’Agerola, olio EVO e un rapido passaggio di aglio dell’Ufita) e Davide Palluda, partner del gusto di Michelis, ha “ingegnerizzato” il tutto. Il risultato è un tradizionale raviolo piemontese dal sapore, al contrario, tipicamente partenopeo, con doppia possibilità di utilizzo: da passare in padella per chi preferisce gustarlo nella versione fritta oppure mantecato al burro per tutti gli altri. Una serata, era il 25 ottobre scorso, scivolata via fra paccheri, ravioli e plin da una parte e pizze dall’altra, il tutto degnamente innaffiato con le birre artigianali del Birrificio della Granda e altrettanto trionfalmente conclusa dalle melighe e le crostate di Michelis ed il gelato della Golosa di Mondovì. Capitani e bomber delle due formazioni Omar Cumerlato Melter, chef in forze alla squadra di Michelis, e dall’altra il nostro Davide Finotti, il gran timoniere dei forni di 480° Gradi.

480° Gradi/3 • P COME PECCATO (DI GOLA)

Per una serata che arriva, un’altra va in archivio. Ci riferiamo a P al Quadrato, Pasta & Pizza Connection, la sera che abbiamo voluto per celebrare la nostra collaborazione con Michelis, storica e ben nota food factory di Mondovì con cui abbiamo intrapreso un percorso di nuove idee sulla pasta che per adesso è visibile sul Raviolo alla pizzaiola e promette presto nuovi sviluppi.

more
Andrea La Rossa

480° Gradi/2 • LA GRANDE PIZZA 2: A VOLTE RITORNANO

Ci siamo: tutti i pezzetti del puzzle che ancora mancavano sono finalmente al loro posto, e fra le certezze che accompagnano le prossime settimane c’è il ritorno de La Grande Pizza. L’evento “eno-pizz-gastronomico” (non sapremmo come altro definirlo) che questa primavera ha fatto parlare ovunque, perché capace di strappare dalle loro sacre cucine chef dotati di stella sul bavero, per portarli di fronte alla pizza, un passaggio niente affatto facile, visto che proprio su quella gli italiani di ogni latitudine non amano scherzare: o è buona e si fa ricordare, o si passa oltre e tanti saluti.

more
SUA MAESTÀ INCONTRA IL PRINCIPE

480° Gradi/1 • SUA MAESTÀ INCONTRA IL PRINCIPE

Lo sanno tutti: i carabinieri sono sempre in due, come fanno Stanlio e Ollio, la pioggia e il weekend, Tom & Jerry, le rondini e la primavera, una penna e l’inchiostro, una maniglia e una serratura, ago e filo, paglia e fieno, latte e biscotti, pane e marmellata. Perfino Rosa e Olindo, per dire.

Tutta roba che viaggia quasi sempre in coppia, a cui bisogna doverosamente aggiungere un legame fra i più riusciti, un amore che si perpetra ogni anno, puntuale, nel mese di novembre: quello fra il Tartufo e il Barolo. Da una parte il tubero più amato al mondo nella sua versione più pregiata, il “Tuber Magatum Pico”, celebrato e osannato dalla Fiera Internazionale che ogni anno attira ad Alba appassionati da tutto il mondo, dall’altro il principe assoluto dei vini piemontesi e uno dei più nobili dell’Italia intera, prodotto in un ristretto territorio che comprende 11 comuni appena sparsi fra colline e castelli, a cui spetta il compito di accontentare il pianeta per intero.

more