L'Eccellenza in Cucina - 480 Gradi

LA LEGGEREZZA DEL NOSTRO IMPASTO

Impasto della pizza 480gradi
L’impasto

La vera differenza della nostra pizza è sicuramente da attribuire alla straordinaria digeribilità dell’impasto data da ingredienti di assoluta qualità e soprattutto dalla formula di lievitazione controllata che non scende mai sotto le 36 ore . Questo aspetto di fondamentale importanza permette di evitare i disturbi di stomaco o la costante esigenza di bere acqua

Gli INGREDIENTI del nostro impasto

– Acqua 1 litro

– farina 5 stagioni semina (farina tipo due)

– farina 5 stagioni napoletana (farina 00)

– sale a seconda della temperatura esterna (in estate 45 gr in inverno 50 gr);

– lievito di birra fresco q.b.

– farina di semola rimacinata (più fine) per stendere l’impasto

La Tecnica

La tecnica di impasto utilizzata è riconducibile al sistema diretto. La preparazione della vera pizza napoletana comprende esclusivamente le fasi di lavorazione seguenti da realizzarsi in ciclo continuo nello stesso esercizio. Si mescolano farina, acqua, sale e lievito. Si versa un litro di acqua nell’impastatrice, si scioglie una quantità di sale marino compresa tra i 50 e i 55 g, si aggiunge il 10 % della farina rispetto alla quantità complessiva prevista, successivamente si stemperano 3 g di lievito di birra, si avvia l’impastatrice e si aggiunge gradualmente il resto della farina W 220-380 fino al raggiungimento della consistenza desiderata, definita punto di pasta. Tale operazione deve durare 10 minuti. L’impasto deve essere lavorato nell’impastatrice, preferibilmente a forcella, per 20 minuti a bassa velocità fino a che non si ottiene un’unica massa compatta. Per ottenere un’ottimale consistenza dell’impasto è molto importante la quantità d’acqua che una farina è in grado di assorbire. L’impasto deve presentarsi al tatto non appiccicoso, morbido ed elastico

Recensioni Pizzerie

SEGUICI SU FACEBOOK

480 Gradi Pizzerie

Seguendo la sua storicità, 480GRADI ci prefiggiamo lo scopo di onorare la tradizione riproponendo anche fuori dalla sua patria questo patrimonio alimentare, rispettando il più possibile ogni suo aspetto.